stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il delitto di Vittoria, l'avvocato chiede la scarcerazione del diciottenne
L'UDIENZA

Il delitto di Vittoria, l'avvocato chiede la scarcerazione del diciottenne

Ragusa, Cronaca
I rilievi dei carabinieri sul luogo dell'omicidio

Stamattina in tribunale, a Ragusa, c'è stata l’udienza di convalida del fermo del diciottenne arrestato la mattina del primo gennaio dai carabinieri vicino alla discoteca «La Dolce Vita» di Vittoria, dove, qualche ora prima, era stato ucciso a colpi di spranga e di coltello Marouene Slimane, tunisino di 30 anni.

Il ragazzo, diciottenne solo da qualche mese, davanti al gip Ivano Infarinato, assistito dal suo avvocato Isabella Linguanti, ha ammesso di avere partecipato all’aggressione assieme ad altri due ragazzi, quindicenni, e di avere avuto un coltello. Ha raccontato quanto aveva già detto ai carabinieri quando era stato fermato, sostenendo di avere cercato di fermare il pestaggio e di essere stato colpito mentre tentava di intervenire. Dopo aver lasciato a terra Slimane, il gruppo è andato in ospedale per farsi medicare, poi è tornato indietro, a bordo di un’auto, per riprendere il motorino di uno dei minorenni. Lì i tre avrebbero trovato i carabinieri e sono stati fermati.

Il pubblico ministero Silvia Giarrizzo, titolare delle indagini, ha chiesto la convalida del fermo. Il difensore, Isabella Linguanti, ha chiesto una misura alternativa, considerata la giovane età del ragazzo, minorenne fino a qualche settimana fa, e il fatto che ha subito ammesso le sue responsabilità. Il giudice si è riservato di decidere. Ieri era stata eseguita, nel cimitero di Vittoria, l’autopsia sul corpo della vittima: insieme al medico legale Giuseppe Algieri c'era anche il tossicologo forense Pietro Zuccarello. Gli esiti si conosceranno tra 90 giorni.

Domani si terrà presso il Tribunale dei minori a Catania l’udienza di convalida del fermo dei due ragazzi minorenni. A sostenere l’accusa, per la Procura minorile, sarà il pubblico ministero Stefania Barbagallo, a decidere sarà il gip Alessandra Chierego. A difendere i due ragazzi sono gli avvocati Antonio Brancaforte e Mario Mascolino, quest’ultimo per il ragazzino più piccolo.

A determinare la reazione scomposta del gruppo di ragazzi rumeni sarebbero stati alcuni apprezzamenti rivolti dal tunisino. All’esterno della discoteca, dove alcuni giovani si erano dati appuntamento per festeggiare il Capodanno, sarebbe scoppiato l’alterco tra tre ragazzi tunisini e i tre rumeni. Due tunisini sarebbero fuggiti, mentre Slimane è rimasto ucciso con colpi di spranga e forse di coltello. L’autopsia è stata eseguita ieri dal medico legale Giuseppe Algieri con il tossicologo forense Pietro Zuccarello.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X