stampa
Dimensione testo

Minaccia di dar fuoco a un gruppo di tunisini in un bar a Vittoria: arrestato

di

Un quarantunenne ha minacciato con una pistola un gruppo di tunisini e ha tentato di dare fuoco ad alcuni di loro a Vittoria. L'uomo appena è arrivata la polizia ha opposto anche resistenza agli agenti. È stato così arrestato I. A., di 41 anni.

Domenica mattina è arrivata alla polizia la segnalazione che un uomo, armato di pistola, inseguiva un gruppo di tunisini. La persona ha aggiunto che l'uomo era uscito da un bar gestito da un tunisino in via Roma, a Vittoria. Così è scattata la caccia all'uomo.

Gli agenti hanno trovato la pistola, poi risultata essere giocattolo ma esattamente identica a quelle in uso alle forze di polizia. Successivamente è stato identificato l'uomo che ha detto ai poliziotti di aver perso la testa perché era stato truffato da un tunisino che frequenta il bar e, dopo aver litigato con lui, lo ha colpito con alcuni schiaffi e ha estratto la pistola puntandola alla tempia minacciandolo di morte. Tutto il gruppo di tunisini è scappato e nel frattempo qualcuno ha allertato la polizia.

Alle ore 18 circa di domenica, il 41enne doveva essere rilasciato in quanto le norme per minacce gravi del codice penale non consentono  l'arresto. Nononstate il suo rilascio l'uomo, dopo poco un'ora, si è ripresentato al bar di via Roma con il pretesto di farsi restituire il telefono cellulare che non aveva lasciato lì in realtà, ma forse lo aveva smarrito durante la fuga prima di essere bloccato.

L'uomo, appena i tunisini gli hanno detto che non c'era il suo cellulare, ha estratto dalla giacca due bottiglie piene di benzina cospargendo il pavimento. All’interno del bar tutti i presenti hanno tentato la fuga ma l’uomo li ha bloccati intimando loro, con un accendino in mano, di restituire il telefono altrimenti avrebbe dato fuoco a tutti.

Alcuni avventori hanno chiamato la polizia che è arrivata nel bar.

Nonostante la presenza degli agenti, l'uomo ha tentato la fuga e si è scagliato contro i poliziotti ferendone e minacciandone due ma è stato comunque neutralizzato e portato presso il commissariato di Vittoria.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X