stampa
Dimensione testo
ECCELLENZA

Il Modica torna a casa e col Rosolini cerca i tre punti

di

MODICA. Si gioca a Modica. Nella città dove la squadra è nata, dove ha giocato per quasi tre mesi. Nella città che, dieci giorni fa, ha deciso di lasciare scegliendo di giocare a Vittoria. Il Modica, quindi, oggi disputerà al "Pietro Scollo" la gara casalinga contro il Rosolini. E' accaduto a causa di un ostacolo inatteso ed imprevedibile. A Vittoria, lo stadio è affidato invia esclusiva, alla società vittoriese che milita in Prima categoria e nessuna altra squadra può giocarvi. Lo prevede la delibera di affidamento. Una settimana fa, nessuno si accorse della norma, sconosciuta, ovviamente, anche ai dirigenti del Modica.

Sabato mattina, a sorpresa, dal Comune e dal commissariato di Polizia è arrivato lo "stop". Se non si può giocare a Vittoria, la squadra è costretta a tornare a Modica. Dove, c'è da attendersi, i tifosi non saranno presenti. Si sentono traditi, da una squadra che ha abbandonato la città e che, fin dall'inizio aveva spostato altrove i suoi interessi ed i suoi obiettivi futuri. La gara, dunque, c'è da scommersi, si giocherà in un clima surreale. Per ciò che riguarda la squadra, tutti confermati i giocatori della partita di una settimana fa contro il Milazzo. Ci sarà anche Sami Elamoroui, che è rientrato dopo cinque giorni di assenza per infortunio, e l'attaccante Costa, che aveva lasciato la squadra, ma ha deciso di rientrare. Si sono accasati altrove, invece, Cordova e Priola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X