stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Stretta sulla movida di Ragusa, ordinanza del sindaco su alcol, assembramenti e monopattini
COMUNE

Stretta sulla movida di Ragusa, ordinanza del sindaco su alcol, assembramenti e monopattini

MOVIDA, ragusa, Ragusa, Politica
La planimetria del centro interessato dall'ordinanza

Alcol, rifiuti, monopattini selvaggi,  schiamazzi notturni, persino partite di pallone improvvisate di fronte il sagrato di una chiesa. Insomma tutte cose ben poco edificanti nel centro storico di Ragusa, cuore della movida, e così il sindaco rafforza i controlli con una nuova ordinanza, una vera e propria "stretta".

"Non potevano sfuggirci - afferma Peppe Cassì - le segnalazioni di una crescente tensione sociale in una zona del Centro dovuta alla reiterazione di comportamenti inopportuni. Dopo aver analizzato il fenomeno, la sua natura e le modalità con cui si manifesta, abbiamo disposto il rafforzamento dei controlli ed emanato un’ordinanza specifica per l’area limitrofa a Piazza San Giovanni, indicata in planimetria, che merita regole specifiche per il rispetto del suo decoro.

L’ordinanza prevede che i trasgressori "cessino il comportamento scorretto" e rimuovano tempestivamente eventuali rifiuti o altro materiale residuo, pena l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro.  Nei casi di reiterata inosservanza da parte delle attività commerciali può esser disposta l’applicazione della sanzione amministrativa accessoria della sospensione dell’attività.

Divieto anche di realizzare assembramenti, anche occasionali, non finalizzati alla corretta fruizione sociale dell’area, ed in special modo in forma di bivacco e/o con schiamazzi, in un area ben delimitata del centro.

Ci sarà inoltre il divieto della vendita di bevande alcoliche di qualsiasi qualità, quantità e gradazione presso tutti i pubblici esercizi, i distributori automatici,  esercizi di vicinato, minimarket e medie e grandi strutture di vendita all’interno precisando che tale divieto non opera nel caso in cui la vendita e la conseguente consumazione avvengano all’interno dei pubblici esercizi autorizzati e nelle pertinenze esterne occupate in concessione. Il divieto non opera, inoltre, in occasione di sagre, eventi e manifestazioni organizzati o patrocinati dal Comune, fermo restando l’obbligo di utilizzare esclusivamente contenitori di carta. Da questo divieto restano escluse le bevande alcoliche acquistate dal cliente, presso i suddetti esercizi commerciali, all’interno di una spesa complessiva che comprenda anche altri generi alimentari e beni di consumo per un valore almeno pari a quello delle bevande alcoliche acquistate.

Ci sarà divieto anche di consumo all’aperto di bevande alcoliche e non alcoliche in contenitori di vetro e/o alluminio, nonché il deposito, l’abbandono e la dispersione sul suolo pubblico di contenitori in vetro, bottiglie di vetro, lattine e qualsiasi altra tipologia di rifiuto. Divieto anche su tutto il sagrato antistante la Cattedrale di San Giovanni Battista del gioco con il pallone, dell’utilizzo di biciclette (velocipedi), monopattini, pattini o skateboard nonché l’utilizzo di qualsiasi diffusore musicale.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X