stampa
Dimensione testo
INFRASTRUTTURE

Aeroporto di Comiso: «Ora i soldi ritornino alla Regione»

di

COMISO. Dell'aeroporto di Comiso, lui, è stato il primo ideatore. Subito dopo la sua prima elezione a sindaco, nell'estate del 1998, scrisse al presidente del Consiglio dei ministri, Romano Prodi, e cominciò a perorare la causa del Magliocco, chiedendo la realizzazione di un nuovo scalo civile. Poi vennero le vicende successive e l'avvio dell'iter per la progettazione, insieme a Gianni Scapellato. Diciassette anni dopo, Pippo Digiacomo, oggi deputato all'Ars, commenta su facebook il risultato raggiunto: l'inserimento nel Piano nazionale aeroporti. «Non ho mai avuto alcun dubbio - afferma - lo dicevo a Vito Riggio quando lui non ci credeva».

E avoca a se alcune scelte "giuste": «Senza la forte capitalizzazione iniziale da noi progettata, senza i 4.5 miloni di euro e 1,2 milioni che arrivano ora, dalla finanziaria regionale, per pagare i servizi Enav, non sarebbero riusciti ad aprire l'aeroporto». Il riferimento è ai vertici di Soaco, con i quali il parlamentare Pd ha da togliersi qualche “sassolino” dalle scarpe.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X