stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Comiso, un'azienda assumerà gli ingegneri ucraini in fuga dalla guerra
SOLIDARIETÀ

Comiso, un'azienda assumerà gli ingegneri ucraini in fuga dalla guerra

guerra in ucraina, Ragusa, Economia
Salvo Salerno e Salvatore Occhipinti di Reiwa

Un posto di lavoro per gli ingegneri ucraini e pasti assicurati per i 200 profughi che troveranno ospitalità nell’ex base Nato di Comiso.

Sostegno a chi fugge dalle bombe russe da un’azienda ragusana la Reiwa Engine, la ditta che studia, progetta e realizza soluzioni nel campo della robotica, dell'intelligenza artificiale e degli impianti industriali.

Un progetto nato dopo un incontro con il sindaco di Comiso, Maria Rita Schembari, con cui è stato deciso di portare avanti l'iniziativa congiunta con il Comune.

E così, con l'amministrazione comunale - che ha già messo a disposizione dei profughi ucraini 200 posti letto negli alloggi dell'ex base Nato – Reiwa aprirà le porte della propria azienda per accogliere gli ingegneri ucraini che nei prossimi giorni raggiungeranno il sud-est della Sicilia in cerca di riparo.
A loro sarà offerto, oltre al vitto giornaliero, un contratto di assunzione per mansioni connesse ad attività di progettazione e sviluppo finché le circostanze lo richiedano. Un modo tangibile per esprimere la propria solidarietà in un momento di grandi incertezze.

“L’iniziativa di Reiwa – dichiara il sindaco, Maria Rita Schembari- mette a loro agio e soprattutto nella condizione di poter dare il meglio di sé, nella loro professione, questi ingegneri in fuga dall’Ucraina, non può non trovare il mio appoggio e consenso”.

“La crisi internazionale che stiamo affrontando in questi giorni ci ha improvvisamente costretto a riflettere sui valori della condivisione e della fratellanza tra i popoli: la guerra, in ogni sua forma, va condannata senza se e senza ma – aggiungono Salvatore Occhipinti e Salvo Salerno di Reiwa-. E noi non dobbiamo assolutamente correre il rischio di percepirla come un avvenimento lontano dalle nostre vite. Al contrario: questa situazione ci riguarda da vicino. E abbiamo il dovere morale di agire concretamente per sostenere i nostri fratelli che in questo momento hanno perso tutto compresa la speranza”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X