stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Chiaramonte, dagli scarti di olive prodotti di cosmetica
IL PROGETTO

Chiaramonte, dagli scarti di olive prodotti di cosmetica

di

CHIARAMONTE GULFI. Ci vuole ingegno, ma anche un pizzico di lungimiranzaper tramutare gli scarti dell'«oro verde»: l'oliva, in altro oro, in preziosi elementi da rimettere in circolo nel tessuto produttivo, alimentando reddito e lavoro, con un occhio verso l'ambiente.

In Sicilia ci ha già pensato qualcuno e la visione è diventata realtà, proiettando l'Isola in posizione d'avanguardia nella bioeconomia. La «visione» si chiama: Fen -oil.

L' obiettivo è quello di «valorizzare i rifiuti della produzione olearia, trasformare in risorsa l' acqua di vegetazione derivante dalla molitura, recuperando integralmente le sostanze benefiche in essa contenute per riutilizzarle nell' industria alimentare, cosmetica e farmaceutica». A spiegare questa «trasformazione» è Mario Pagliaro, uno degli «alchimisti» che l' ha sviluppata.

L'impianto è attualmente utilizzato a Chiaramonte, nel Ragusano, nei Frantoi Cutrera, un' eccellenza nel settore.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X