stampa
Dimensione testo
IL PROGETTO

Chiaramonte, dagli scarti di olive prodotti di cosmetica

di

CHIARAMONTE GULFI. Ci vuole ingegno, ma anche un pizzico di lungimiranzaper tramutare gli scarti dell'«oro verde»: l'oliva, in altro oro, in preziosi elementi da rimettere in circolo nel tessuto produttivo, alimentando reddito e lavoro, con un occhio verso l'ambiente.

In Sicilia ci ha già pensato qualcuno e la visione è diventata realtà, proiettando l'Isola in posizione d'avanguardia nella bioeconomia. La «visione» si chiama: Fen -oil.

L' obiettivo è quello di «valorizzare i rifiuti della produzione olearia, trasformare in risorsa l' acqua di vegetazione derivante dalla molitura, recuperando integralmente le sostanze benefiche in essa contenute per riutilizzarle nell' industria alimentare, cosmetica e farmaceutica». A spiegare questa «trasformazione» è Mario Pagliaro, uno degli «alchimisti» che l' ha sviluppata.

L'impianto è attualmente utilizzato a Chiaramonte, nel Ragusano, nei Frantoi Cutrera, un' eccellenza nel settore.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X