stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Altri tagli al prezzo del latte, allevatori in rivolta a Ragusa
LA VERTENZA

Altri tagli al prezzo del latte, allevatori in rivolta a Ragusa

di

RAGUSA. Un ulteriore taglio di 2 centesimi al litro con effetti retroattivi dal primo di aprile. Il latte ragusano sarà pagato agli allevatori 37 centesimi e 10 al litro al di sotto dei costi di produzione. Una corsa al ribasso. Secondo le indicazioni dettate dal “borsino” del latte che non tiene conto dei costi delle materie prime e delle spese aziendali. Una “vertenza” che rischia di esplodere sin dentro le stalle.

Gli allevatori, oramai esasperati, si sono dati appuntamenti dinanzi agli stabilimenti dell’azienda Parmalat, alla zona industriale di Ragusa, per manifestare il proprio malessere. La gravità della situazione, senza alcun prezzo regionale sottoscritto in Sicilia, rischia di innescare una corsa al ribasso che gli allevatori non sono più in grado di sostenere. «Siamo nel baratro – spiega Mattia Occhipinti, allevatore e figura storica della Coldiretti ragusana -, la mia azienda perde ogni giorno 200 euro per il mancato conferimento del latte ad un prezzo equo. In un mese il deficit aumenta di circa 6 mila euro. Capite bene che tra breve tutto l’indotto salterà in aria senza un contratto equo con tempi di pagamento certe».

È l’intero comparto che segna una crisi senza precedenti. La storica cooperativa Ragusa Latte ha una perdita di 5 milioni di euro ma anche i piccoli conferitori non stanno decisamente meglio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X