stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Ragusa, alla Cava Gonfalone l'anteprima di "Melos Kouros di Sicilia"
CUNTO

Ragusa, alla Cava Gonfalone l'anteprima di "Melos Kouros di Sicilia"

In scena l'ericino Gaspare Balsamo e il catanese Puccio Castrogiovanni. Nello spettacolo si mescolano forme artistiche diverse, comprese le tecniche di autodifesa tipiche dell'Isola
Ragusa, Cultura
Il cuntista ericino Gaspare Balsamo (foto di Rino Labate)

Uno spettacolo sull'esaltazione dell'amore e sui valori della giustizia e dell'amicizia; una performance che mette insieme alcuni elementi di un'antica leggenda siciliota, un racconto giapponese contemporaneo e alcune opere di Platone alle quali si ispira.

Sabato 9 ottobre, alla Cava Gonfalone di Ragusa, l’anteprima dello spettacolo «Melos. Kouros di Sicilia» conclude «Echi in grotta», la rassegna organizzata dall'Associazione Luogocomune in quello che è l'ingresso naturale alle Latomie di Ragusa. Vincitore del bando «Catania premia Catania» del Teatro Stabile di Catania, lo spettacolo debutterà in prima nazionale il prossimo 30 ottobre nella nuova Sala Futura dello Stabile etneo.

Melos – una produzione dell’Associazione Luogocomune e del Centro culturale Mobilità delle arti - attinge ai molteplici linguaggi tipici del teatro siciliano. Vede in scena l'attore e cuntista ericino Gaspare Balsamo, che firma anche testo e regia, al fianco del compositore e polistrumentista catanese, Puccio Castrogiovanni. Creative producer dello spettacolo è Corrado Russo, la direzione organizzativa è di Andrea A. Maccarrone, la direzione esecutiva è di Giovanni Di Stefano.

Ambientato a Siracusa nel III secolo a.C., «Melos. Kouros di Sicilia» narra la vicenda del pastore Melos, che dopo aver fallito il tentativo di uccidere il Re Nisus, viene catturato e condannato a morte. Il giovane chiede di posticipare di alcuni giorni l’esecuzione, in modo da poter partecipare al matrimonio della sorella. Il re accoglie la richiesta, ma pone una condizione: se Melos non dovesse fare ritorno entro il tempo stabilito, ucciderà il suo migliore amico Nunzius.

La messa in scena unisce la narrazione epica del cunto, le tecniche recitative e declamatorie del teatro di figura siciliano, l’utilizzo doppio della lingua italiana e siciliana, la musica dal vivo – attraverso l'utilizzo di strumenti tradizionali come il marranzano, il tamburo, il friscaletto, il mandolino e la chitarra – e alcune tecniche tipiche della tradizione marziale e di autodifesa siciliana, come la scherma corta e il bastone, reinterpretate e codificate in chiave performativa.

Ne viene fuori uno spettacolo che porta in scena la magia della natura e dell’invisibile: le montagne, le valli, gli alberi e i fiumi che, attraverso il variare continuo delle situazioni e delle azioni, acquistano un’autonomia lirica ed evocatrice che indipendentemente dal suono della parola evocano immagini potenti che si fanno ascoltare, capire e sentire. Ma c'è anche l'eterno conflitto tra bene e male e i tormenti della psiche, il tema della fiducia e della lealtà in un rapporto di vera amicizia, la possibilità di una metamorfosi, il tema del doppio e l’inesorabile scorrere del tempo.

Gaspare Balsamo è nato a Erice nel 1975 e da anni vive a Catania. Autore, attore e cuntista, ha appreso dal maestro Mimmo Cuticchio l'arte del cuntu siciliano. È autore di diversi testi teatrali, dei quali è anche interprete, in cui il cunto è strumento di denunce e squarci non editi. Ha collaborato con la «Fondazione RomaEuropa Festival» e con la «Fondazione Fiumara d’Arte»; varie le collaborazioni con artisti e gruppi musicali della world music e della musica popolare. Per la radio ha partecipato con la «Deutschlandradio Kultur» in merito al radiodramma «Orca», dall’Horcynus Orca di Stefano D’Arrigo. È uno dei protagonisti del film documentario «Cuntami» di Giovanna Taviani (2021) presentato alla Giornata degli Autori della 78° Mostra del Cinema di Venezia e al SalinaDoc Fest dove ha ricevuto il premio Irritec per «Ciclopu». Studia e pratica scherma corta e bastone siciliano. Tra i suoi spettacoli «Camurria», «Muciara. Non è più mare per tonni» e «Isola Zavorra».

Puccio Castrogiovanni è nato a Catania nel 1962 da una famiglia di artisti e musicisti. Comincia fin da piccolo a studiare il piano e a suonare il marranzano e la chitarra in vari gruppi folcloristici di Catania e Acireale. Suona indifferentemente svariati strumenti etnici: dalle tastiere ai plettri, dai fiati alle percussioni. Appassionato di liuteria, possiede una variegata collezione di strumenti delle tradizioni popolari. È uno dei fondatori del gruppo musicale I Lautari, con cui da oltre vent’anni svolge un’intensa attività concertistica e discografica. Ha collaborato con diversi artisti tra i quali Carmen Consoli, Gabriele Lavia e Giorgio Albertazzi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X