stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Riconoscimento per il museo di Storia naturale di Comiso
BENI CULTURALI

Riconoscimento per il museo di Storia naturale di Comiso

COMISO. Il Museo civico di Storia naturale di Comiso è stato riconosciuto «Istituzione scientifica» dal ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare. «Il riconoscimento ministeriale - dice il presidente Giovanni Scalambrieri - è il risultato di un iter avviato nel febbraio del 2016 grazie al lavoro appassionato e professionale del suo Conservatore Scientifico Gianni Insacco, dei collaboratori delle collezioni Filippo Spadola, Agatino Reitano e Bruno Zava, nonché dei membri del comitato tecnico scientifico la Salvina Calandra e Fabio Melilli».

«La registrazione e il riconoscimento di Istituzione scientifica - aggiunge il sindaco di Comiso, Filippo Spataro - del Museo presso il Segretariato di Ginevra della Convenzione Cites di Washington, costituisce motivo di vanto e di orgoglio per l’indubbia valenza scientifica e culturale in ambito nazionale ed internazionale».

Il museo di Comiso presenta oltre 25 mila reperti, di cui più di 15 mila fossili di vertebrati e invertebrati di varie ere geologiche e 10 mila reperti zoologici. I reperti zoologici sono costituiti da circa 2000 animali terrestri e marini naturalizzati, provenienti da tutto il mondo, da diversi preparati osteologici e dalla più importante collezione cetologica del meridione d’Italia. Tra queste specie: il secondo esemplare mediterraneo di Capodoglio nano e lo scheletro di 19 metri della più grande balenottera comune d’Italia, che dev'essere ancora restaurata ed opportunamente esposta in una sala dedicata ai giganti del mare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X