BENI CULTURALI

Capo Passero, l'antica fortezza riapre le sue porte

di

CAPO PASSERO. La provincia iblea coinvolta in prima linea nel rilancio turistico dell'antica fortezza spagnola dell'isola di Capo Passero. È Barbara Conti, giovane promoter turistica sciclitana, ad annunciare ai ragusani che l'isoletta ed il Forte spagnolo saranno visitabili per tutto il mese di giugno e questa apertura sarà prorogata anche per i mesi di luglio ed agosto, previa prenotazione. L'estate ragusana 2015, quindi, si arricchisce di una nuova offerta turistica: la visita dell'antico Forte spagnolo di proprietà di Francesco Bruno di Belmonte di Ispica che, con grande sensibilità, ha messo a disposizione il maniero per renderlo fruibile ai turisti. Il luogo, nell'ultima campagna «spiagge e fondali puliti» promossa da Legambiente due settimane fa, è stato interamente ripulito. Sogno di tanti ragusani l'isola di Capo Passero potrà essere visitata: basta chiederlo. Il Forte si trova sul punto più alto dell'isola.

Sopra il portale d'ingresso si staglia un grande stemma costituito da un'aquila che regge uno scudo con insegne araldiche; stemma che appartiene al Re Filippo III, salito al trono di Spagna e di Sicilia nel 1598. Sul suo primo livello si trovano 15 stanze mentre sul secondo livello se ne contano 16. "I volontari dell'associazione ambientalista hanno ripulito l'isola, oramai presidio di Legambiente per volontà del proprietario Francesco Bruno di Belmonte, riempendo quaranta sacchi di rifiuti - spiega Barbara Conti - il Forte spagnolo è stato restaurato nel 2007 dopo tre anni di interventi manutentivi ed oggi fa bella mostra di sé nel punto più alto dell'isola. La cerimonia di inaugurazione è avvenuta nel settembre del 2009 ma poche sinora sono state le iniziative culturali legate all'immobile storico. Oggi si muove qualcosa ed è importante. Per tutto il mese di giugno sarà possibile visitare l'isola su prenotazione, per i mesi di luglio ed agosto le visite saranno fruibili grazie ad una barchetta che farà da spola più volte al giorno dalla terraferma a Portopalo. Il costo del biglietto è di 5 euro mentre l'ingresso nell'isola è gratuito". Per informazioni e prenotazioni scrivere a salvatoremaino@virgilio.it

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X