stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Piacenza, a terra pieno di sangue dopo l'aggressione a colpi di bottiglia: lo salva un infermiere ragusano
IL RACCONTO

Piacenza, a terra pieno di sangue dopo l'aggressione a colpi di bottiglia: lo salva un infermiere ragusano

aggressioni, Ragusa, Cronaca
Il giovane infermiere Daniele Corallo

Un infermiere ragusano, di appena 22 anni, ha salvato la vita a un giovane aggredito a colpi di bottiglia. È successo a Piacenza, dove Daniele Corallo di Comiso si è appena laureato in Infermieristica. 

Stava rientrando a casa dopo una serata trascorsa con un amico, quando ha notato un ragazzo accasciato a terra, ricoperto di sangue. Il giovane infermiere lo ha subito soccorso, un gesto che ha contribuito a salvargli la vita in attesa dell'arrivo del 118 e per il quale ha ricevuto anche un pubblico encomio dall'azienda Usl di Piacenza e dal sindaco Katia Tarasconi: "Mi auguro che la persona aggredita, aiutata da un infermiere fuori servizio che, dimostrando un encomiabile spirito di servizio, lo ha soccorso, si rimetta al più presto”, commenta il primo cittadino.

Il gesto di Daniele è stato reso noto sulla pagina Facebook della Usl con un post nel quale lo stesso giovane infermiere racconta cosa è successo: “La prima cosa di cui mi sono preoccupato è stata controllare che il ragazzo non avesse ferite all’addome o al torso. Quindi ho usato la sua maglietta per tamponare la profonda ferita al braccio, poi mi sono preoccupato di fermare l’emorragia del taglio temporale. In pochi minuti sono arrivate le forze dell’ordine e a ruota i colleghi del soccorso". E spiega: "Ho agito d’istinto, senza pensare, ma con estrema lucidità e calma. In questo mi ha aiutato tanto la formazione che ho avuto durante il tirocinio nel reparto di Medicina d’Urgenza dell’ospedale di Piacenza accanto al dottor Andrea Magnacavallo. Sono molto felice di aver aiutato quel ragazzo e ringrazio tutti gli agenti che, prima dell’arrivo dei soccorsi, mi hanno aiutato a gestire la situazione di panico dei familiari del ragazzo ferito”.

Da piccolo voleva diventare poliziotto come il papà, poi Daniele ha capito quale fosse la sua vocazione e ha iniziato il percorso di studi. Si è laureato pochi mesi fa in Infermieristica e oggi lavora alla Casa di cura Piacenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X