stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ragusa, torna libero il commerciante che inscenò l'abbandono del neonato
LE INDAGINI

Ragusa, torna libero il commerciante che inscenò l'abbandono del neonato

Torna in libertà il commerciante di via Saragat a Ragusa, indagato per abbandono di minore. Era ai domiciliari dallo scorso 4 dicembre, un mese dopo avere inscenato l’abbandono e il ritrovamento di un neonato. L’istanza di scarcerazione era stata più volte presentata sal suo legale, l’avvocato Michele Sbezzi, al Tribunale del Riesame prima e all’ufficio del Gip successivamente.

I termini «naturali» della custodia cautelare sarebbero scaduti il 21 gennaio. La Procura - titolare dell’inchiesta, il sostituto Francesco Riccio - ha ravvisato che non sussisterebbero più le esigenze cautelari e il gip, Eleonora Schininà ha disposto la scarcerazione. È probabile che la conclusione delle indagini sia ormai vicina.

Assieme al commerciante è indagata anche la madre del neonato, chiamato Vittorio Fortunato dal personale sanitario dell’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa, che se ne è preso cura fino al suo affidamento preadottivo. L’ipotesi investigativa per lei è di concorso nell’abbandono di minore. Il 4 novembre scorso la donna avrebbe chiamato il commerciante, con cui aveva avuto una relazione per chiedere aiuto.

Da Ragusa l’uomo si era recato a Modica e aveva trovato lei e il piccolo appena partorito. Non sapeva che fosse incinta. Il commerciante allora aveva deciso portare con sé il bimbo a Ragusa, ma invece andare in ospedale aveva inscenato l’abbandono e il ritrovamento.

Sia l’uomo che la donna sono stati sottoposti al test del dna per stabilire se siano loro i genitori del piccolo, che, giunto all’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa in condizioni critiche, si era velocemente ripreso. Dal 20 novembre è affidato in preadozione ad una famiglia che risiede fuori dal territorio provinciale di Ragusa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X