stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scicli, un drone in volo per salvare la Mannara

Scicli, un drone in volo per salvare la Mannara

di

SCICLI. Rilievi centimetro su centimetro. Dall'alto, dalle parti interne inaccessibili e dalle parti esterne. Il tutto per studiare e conoscere lo stato dell'ex Fornace Penna di Punta Pisciotto a Sampieri, «la Mannara» del Commissario Montalbano conosciuta in tutto il mondo, nei cento Paesi in cui la fiction televisiva dai romanzi di Andrea Camilleri viene vista.

Sono durati due giorni i lavori di ricerca e di approfondimento delle condizioni del monumento di archeologia industriale, unico in Sicilia e visibile sia dal mare che dalla terra ferma.

A studiare l'ex fornace, danneggiata da un incendio doloso nella notte del 26 gennaio del 1924 e che cento anni di intemperie hanno ridotto ad uno scheletro di pietra, sono stati docenti del Politecnico di Torino, del Cnr di Palermo, delle Università di Venezia e di Cagliari con i liberi professionisti tecnici di Ragusa e con i tecnici del Sift, la società italiana di topografia e di fotogrammetria. Con loro il sovrintendente ai beni culturale di Ragusa, Calogero Rizzuto, il quale ha chiesto specificatamente al Sift di avviare un progetto di monitoraggio e di rilievo della fornace come fase propedeutica capace di aprire la strada ad un intervento di recupero e consolidamento. Con un drone gli studiosi sono riusciti a «leggere» il monumento in ogni suo particolare.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X