stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Loris, due anni di indagini e perizie dall'omicidio alla sentenza: tutte le tappe

RAGUSA. Queste le date delle tappe principali di indagini e inchiesta sull'omicidio di Loris Stival. 29 novembre 2014: la madre, Veronica Panarello, denuncia la scomparsa del figlio, dice di averlo accompagnato a scuola e di non averlo trovato all'uscita del circolo didattico Falcone-Borsellino.

Prima di sera il cadavere del piccolo Loris viene trovato in un canalone a Santa Croce da Orazio Fidone, il 'cacciatore'.

- 1 dicembre 2014: l'autopsia rivela che Loris è stato strangolato, forse con fascette elettriche. Gira l'ipotesi di un 'orco', ma non ci sono riscontri medico legali e la tesi sarà poi smentita dalla Procura di Ragusa.

- 3 dicembre 2014: dai video di telecamere di sicurezza emergono le incongruenze nei racconti della madre del bambino.

- 9 dicembre 2014: Veronica Panarello è fermato per l'omicidio del figlio e l'occultamento del cadavere. Lei si proclama innocente e continua a ripetere: "l'ho accompagnato a scuola".

- 12 dicembre 2014: il Gip di Ragusa, Claudio Maggioni, convalida il fermo dell'indagato e dispone che la donna resti in carcere.

- 3 gennaio 2015: il Tribunale del riesame di Catania conferma l'ordinanza del Gip di Ragusa, la madre di Loris deve rimanere in carcere.

- 29 maggio 2015: la Cassazione ribadisce i "gravi indizi di colpevolezza" e rigetta la richiesta di scarcerazione di Verona Panarello.

- 10 novembre 2015: Per la prima volta Veronica cambia versione e ammetta di non aver portato il figlio a scuola, ma di non ricordare cosa è accaduto.

- 17 novembre 2015: la madre di Loris dice che il figlio è morto per un incidente mentre giocava con le fascette elettriche a casa.

- 3 dicembre 2015: Veronica accede al giudizio abbreviato condizionato a perizia psichiatrica.

- 14 dicembre: prima udienza del processo.

- 11 febbraio 2016: è la svolta 'ufficiale' nelle versioni di Veronica Panarello che davanti ai Pm, dopo averlo fatto in carcere il mese prima davanti a assistenti e psicologi, accusa il suocero Andrea Stival, che avrebbe ucciso Loris perché aveva scoperto che eravamo amanti.

- 17 febbraio 2016: il nonno di Loris è indagato per omicidio in concorso.

- 3 marzo 2016: Andrea Stival interrogato dai Pm nega tutto.

- 7 giugno 2016: la perizia psichiatrica parla di personalità dice che Veronica dimostra una "personalita' non armonica", ma era ed è "capace di intendere e volere".

- 3 ottobre 2016: la Procura di Ragusa chiede al Gup Andrea Reale la condanna dell'imputata a 30 anni di reclusione per omicidio premeditato aggravato e occultamento di cadavere

- 17 ottobre 2016: il Gup di Ragusa, Andrea Reale condanna Veronica Panarello a 30 anni per l'uccisione del figlio Loris

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X