stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tentato rapimento, Orlando: "Accertamenti? Per valutare la correttezza del pm"
L'INDAGINE DI SCOGLITTI

Tentato rapimento, Orlando: "Accertamenti? Per valutare la correttezza del pm"

FOGGIA. "Io credo che sia interesse di tutti che la ricostruzione dei fatti avvenga tramite le forme previste dalla legge, cioè tramite accertamento che il Ministero dispone e questo per due finalità: da un lato per valutare se c'è stata una correttezza da parte della magistratura e dall'altro per evitare che si celebrino processi paralleli o processi al processo che non sono previsti nel nostro ordinamento".

Lo ha detto a Foggia il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, parlando del caso di Lubhaya, l'indiano di 43 anni indagato a piede libero con l'accusa di aver tentato di rapire una bimba di 5 anni. Ieri Orlando aveva deciso di avviare "verifiche preliminari" sulla vicenda attraverso l'Ispettorato del ministero.

Su Ragusa - ha continuato - non ho molto da aggiungere, rispetto all'atto che è già stato compiuto". "E' importante invece - ha concluso il Guardasigilli - che tutto segua le regole e anche la valutazione degli atti sia fatta non in modo emozionale e intuitivo, ma sia fatta sulla base dei fatti che il ministero sta raccogliendo'".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X