stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scivolano durante la pesca, due giovani ghanesi annegati ad Acate
INDAGINI

Scivolano durante la pesca, due giovani ghanesi annegati ad Acate

di

ACATE. Due giovani di origine ghanese sono morti annegati ieri sera intorno alle 20, 30 ad Acate, in contrada Chiappa, vicino ad un invaso artificiale per la raccolta d’acqua per l’irrigazione. Si tratta di Isaka Drameni, di 28 anni e George Aminou, di  26 anni.

 

Secondo quanto riferito da testimoni sul posto i due giovani, insieme ad altri connazionali, si trovavano nelle vicinanze del bacino per pescare. A cadere per primo è stato Aminou, scivolato sulla guaina all’interno dello specchio d’acqua. Nel tentativo di aiutare l'amico, anche Drameni è scivolato a causa di melma e fango ed è stato trascinato dentro. A lanciare l'allarme e chiamare i soccorsi sono state alcune persone presenti sul luogo dell'incidente, che non hanno potuto aiutare in alcun modo i giovani.

Sul posto sono arrivati i carabinieri e i vigili del fuoco di Ragusa e i sommozzatori di Palermo. Le operazioni di recupero dei cadaveri si sono concluse verso le cinque di mattina quando il medico legale, Maria Iannì, è intervenuto per l’ispezione cadaverica confermando che il decesso dei giovani è avvenuto per asfissia da annegamento.

Sono tutt'ora in corso accertamenti da parte dei carabinieri per chiarire i contorni della vicenda. Le salme sono state messe a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica del  Tribunale di Ragusa, Francesco Riccio e  sono custodite presso l’obitorio del locale cimitero.

Ieri un altro ex extracomunitario ventenne è annegato nel porticciolo di San Giovanni Li Cuti morto nel lungomare della scogliera di Catania. Il giovane,  in compagnia di altri amici, nel tardo pomeriggio si sarebbe gettato in mare, vicino a delle barche e avrebbe avuto un malore. A lanciare l'allarme è stato il comandante di un peschereccio: in mare si sono tuffati suo figlio e un agente della polizia di stato fuori dal servizio. Il ragazzo è stato portato sul piccolo molo del porticciolo dove personale del 118 ha tentato, inutilmente, di rianimarlo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X