stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mercato di Comiso: "Regole da ridefinire"
COMUNE

Mercato di Comiso: "Regole da ridefinire"

di

COMISO. Aggressione ai danni di un operatore del mercato ortofrutticolo di Comiso. Lo spiacevole episodio si è verificato lunedì mattina ed ha visto sfortunato protagonista Nunzio Bertino che ha ricevuto un pugno sul naso, costatogli quindici giorni di prognosi. Futile il motivo che avrebbe scatenato l’ira di un acquirente “infastidito” per non aver potuto acquistare la merce andata già esaurita. Al momento non è stata presentata alcuna denuncia. Lo stesso Bertino stigmatizza l’aggressione subita e al contempo coglie l’occasione per evidenziare quello che non funziona all’interno della struttura mercatale.

«Dal lontano 1975 – dichiara - lavoro all’interno del mercato. Rispetto a qualche anno addietro, la situazione è peggiorata: per esempio non c’è più una vigilanza da parte dei vigili urbani. Non è sufficiente occuparsi di questioni burocratiche legate alla concessione dei box se poi si lascia nell’anarchia la gestione della struttura». Bertino, a questo proposito, chiama in causa l’amministrazione comunale. «Da anni – prosegue - non ci sono ordinanze sindacali o regolamenti che indichino con chiarezza gli orari per le varie attività di scarico e compravendita della merce o di contabilità all’interno dei vari box. In questo contesto a pagarne è la struttura che ha visto l’abbandono di circa il 40% dei commercianti che prima venivano ad approvvigionarsi a Comiso».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X