stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca I cani-killer di Scicli, il Comune chiede i danni
IL PROCESSO

I cani-killer di Scicli, il Comune chiede i danni

di
Si avvia verso la conclusione il dibattimento per la morte del piccolo modicano Giuseppe Brafa e per il ferimento della tedesca Marija Stefanie Mikulcic

SCICLI. Udienza dedicata alle ultime parti civili quella di ieri davanti al Tribunale di Ragusa (presidente Vincenzo Saito, a latere Antongiulio Maggiore ed Elio Manenti) nel processo nato dall’inchiesta sui cosiddetti “cani killer” di Punta Pisciotto che il 15 marzo 2009 aggredirono ed uccisero il piccolo modicano, Giuseppe Brafa, e due giorni dopo ferirono gravemente la tedesca Marija Stefanie Mikulcic. A chiedere la condanna degli imputati ed il risarcimento danni sono stati i rappresentati di altre vittime di aggressioni degli animali: Paola Bruna Finotti, Giorgio Pluchino, Giovanni Buscema. Dopo le arringhe degli avvocati Enzo Cavallo, Stefano Aliotta è toccato all’avvocato Bartolo Iacono in rappresenza del Comune di Scicli.

Il penalista nel corso del suo intervento si è rimesso al collegio giudicante ed in caso di condanna ha chiesto il risarcimento danni. Sotto processo, infatti, ci sono anche l’ex sindaco di Scicli Venticinque e due funzionari comunali. Si torna in aula oggi con i legali dei Responsabili civili, l’Asp 7 ed il Comune di Scicli, ed i primi difensori, quelli del veterinaio Agosta e quelli dei dirigenti sciclitani Pisana e Calvo.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X