stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Differenziata, percentuali ancora molto lontane dal 65% di legge
I DATI

Differenziata, percentuali ancora molto lontane dal 65% di legge

di
Il Comune di Comiso è quello più virtuoso con il 34,49. Numeri risibili ad Acate: solo lo 0,51 per cento.

RAGUSA. Dodici comuni, ognuno con il proprio Aro. La legge lo prevede: per costituire un Aro - Ambito Ottimale dei Rifiuti - è necessaria una popolazione minima di 5000 abitanti. Fanno eccezione i comuni montani, per i quali la soglia minima è 3000 abitanti.

Monterosso e Giarratana superano appena questo limite e non si sono fatti sfuggire l' occasione. Tutti hanno deciso di fare da se. Il risultato: dodici Piani Aro, tutti varati con anticipo rispetto a quello della nuova Srr che, a questo punto, non può fare altro che raccogliere le fila di dodici progetti già avviati.

Si parte dall' esistente: una raccolta differenziata che sfiora il 15%: 14,95 è il dato esatto. Ben lontano dalla quota minima del 65 per cento che, secondo la legge, deve essere raggiunta in 3 anni. In Sicilia la provincia più virtuosa è Trapani (25,8 percento), vanno decisamente male Enna (6 per cento) e Siracusa 7,1).

La percentuale più alta di raccolta differenziata è a Comiso: 34,49 percento. Si scende in maniera drastica a Vittoria (4,15), Monterosso Almo (1,98), a Chiaramonte Gulfi ed Acate dove le percentuali sono risibili: 0,57 per il comune pedemontano, 0,51 per Acate. Acate è il comune che fa registrare il più alto tasso di produzione di rifiuti pro capite: 568 chili ogni anno.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X