stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scicli, dalla «casa» del cane Italo il piano d’azione anti randagismo
ANIMALI

Scicli, dalla «casa» del cane Italo il piano d’azione anti randagismo

di

SCICLI. La problematica del randagismo è un fenomeno che investe da vicino il territorio di Scicli. Quanto avvenuto a Punta Pisciotto il 15 marzo del 2009, quando un bambino fu sbranato da cani randagi, è un ricordo indelebile che spinge a tenere sempre alta la guardia sul fenomeno. Le amministrazioni che si sono succedute nel tempo hanno fatto abbastanza per fronteggiare il fenomeno randagismo? A Scicli si è costituito un gruppo di lavoro, composto da soggetti della società civile, per tentare di dare risposte alla problematica. Tra i componenti del laboratorio c'è l'ex assessore Giampaolo Schillaci.

Gli altri componenti sono Sergio Bramanti (titolare di Canile Maia), Gerardo Filippini e Resi Iurato (LAV Scicli), Simone Puccia (esperto). «Sono state redatte - ha affermato Giampaolo Schillaci - le linee guida che illustrano la struttura della filiera deputata all'intervento di recupero degli animali deceduti, alla cattura di quelli incidentati, randagi o vagabondi, socializzati, come nel famoso caso di Italo, o mordaci che siano.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X