stampa
Dimensione testo
POLIZIA

Due mezzi incendiati a Vittoria, spunta l'ombra del racket

di

VITTORIA. L' ombra del racket dietro l' attentato incendiario nell' ex discarica di contrada Pozzo Bollente. La criminalità organizzata ha alzato il tiro ed ha preso di mira l' azienda agrigentina che si è aggiudicata l' appalto per la risistemazione ed il recupero definitivo della discarica, chiusa da qualche anno perché satura. Lì sorge anche il centro di compostaggio, ancora inattivo perché sono necessari dei lavori di completamento e perché nel frattempo la struttura, rimasta inutilizzata, è stata preda dei vandali. La notte scorsa, intorno alle 3,30 del mattino, un boato ha squarciato il silenzio della notte. Una colonna di fumo si è levata nella zona della ex discarica. La Volante della Polizia si trovava nella zona e gli agenti sono intervenuti quasi subito. Ignoti avevano dato alle fiamme una ruspa ed un escavatore. I mezzi erano stati portati a Vittoria dalla ditta Brucculeri di Agrigento. L' appalto, gestito dall' Ato Ambiente Ragusa, era stato assegnato alla Brucculeri (con una gara espletata dall' Urega) per un importo di 850.000 euro. I mezzi erano arrivati a Vittoria da pochi giorni. Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco. Le indagini sono condotte dal commissariato di Polizia di Vittoria. La Polizia ha interrogato il custode dell' impianto: l' uomo era stato svegliato dal botto dell' esplosione, ma non si era accorto di nulla di insoli to fino al momento dell' incendio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X