stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Otto arresti nel Ragusano per furto di rame
DANNI PER MILIONI DI EURO

Otto arresti nel Ragusano per furto di rame

COMISO. Un'associazione per delinquere costituita in prevalenza da romeni e dedita ai furti di rame è stata smantellata dalla Polizia di Stato di Ragusa. Otto le persone arrestate, tre quelle riuscite a sfuggire all'arresto da parte della squadra mobile e degli agenti del commissariato di Comiso.

 Gli indagati per mesi hanno gravemente danneggiato l'attività dell'Enel e di aziende agricole, procurando loro danni per milioni di euro. L'operazione, coordinata dalla Procura iblea e condotta da squadra mobile di Ragusa e commissariato di Comiso, denominata "Alta tensione", ha fatto diminuire del 90% i furti di rame del nella provincia.

Sette degli arrestati sono stati rinchiusi in carcere, un ottavo è ai domiciliari. Una persona è stata denunciata. La banda avrebbe operato con l'appoggio di ricettatori italiani in tutta la provincia di Ragusa con ramificazioni a Catania e Messina. La svolta alle indagini grazie al ritrovamento sul luogo di uno dei furti, di uno scontrino e di un paio di guanti. L'operazione è stata portata a termine con il fondamentale contributo dell'Enel, che ha messo a disposizione le più avanzate tecnologie presenti sul mercato.  Oltre a rubare cavi di rame, la banda avrebbe depredato aziende agricole e zootecniche, uccidendo gli animali direttamente sul posto e con crudeltà e portando via solo le carni pregiate. Tra gli obiettivi anche carburante, attrezzi agricoli, attrezzi per carpenteria, fitofarmaci, auto e trattori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X