stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Modica, il manager dell'Asp fa il detective al Pronto soccorso

Modica, il manager dell'Asp fa il detective
al Pronto soccorso

Ragusa, Archivio

MODICA. Direttore Generale detective. Maurizio Aricò, manager dell'Asp 7, vuole vedere e toccare fisicamente la situazione del Pronto Soccorso di Modica e allora che fa? Sceglie un giorno improbabile, la domenica, e si presenta all’Ospedale Maggiore. Nessuno ha riconosciuto il dirigente della sanità iblea, nemmeno il personale anche perché è ancora poco il tempo dal suo insediamento (dal primo luglio), quando questi, domenica scorsa, è entrato al Pronto Soccorso di Via Aldo Moro e si è seduto tra gli astanti come un normale utente, attendendo il proprio turno.
Tra la gente che doveva essere curata da medici e infermieri, si è reso conto delle difficoltà cui va incontro l’utenza ma anche gli operatori sanitari. Ha potuto toccare con mano i disagi dettati da personale limitato e da locali inadeguati già da più parti segnalati. “Diciamo che si è trattato di una visita non programmata e, dunque, non annunciata – spiega il direttore generale dell’Asp –. Sapevo dei disagi della struttura ospedaliera ma volevo rendermi conto direttamente”. Nessun blitz, come assicura Aricò, ma solo l’intenzione di prendere atto con consapevolezza dei problemi esistenti, delle lunghe file che devono sostenere gli utenti, del pressoché inesistente triage (attivo solo quando l'infermiere incaricato non ha incombenze mediche) e dei locali assolutamente inadeguati. Da non dimenticare che l’ospedale di Modica è un punto di osservazione importante anche per le prime procedure di soccorso per gli sbarchi di Pozzallo.
La risposta di Aricò è stata, immediata: destinati alla struttura modicana otto medici e sedici infermieri tutti specialisti di Pronto Soccorso oltre ad altri provvedimenti imminenti. "Nonostante il provvedimento che blocca i concorsi - spiega - e le disposizioni della Regione che invita a limitare gli incarichi a tempo determinato, la direzione si è assunta la responsabilità di reclutare anestesisti e medici per il Pronto Soccorso". A Ragusa, a fronte di accessi praticamente identici rispetto a Modica, in atto opera il doppio del personale. Il manager ha già convocato per la prossima settimana il Collegio di Direzione, vale a dire il massimo organismo dell’azienda sanitaria composto dai capi dipartimento e dalla direzione generale, per discutere del problema Pronto Soccorso di Modica. “Dovremo valutare – precisa Maurizio Aricò – la progettualità, l’intera questione che riguarda la struttura affinché si provveda a dare dignità in tempi brevi all’importante unità operativa del nosocomio modicano”.
Il massimo responsabile della sanità iblea ha in cantiere ulteriori provvedimenti come la ricostruzione di percorsi razionali per garantire qualità all'utenza, lo snellimento delle procedure per le liste d'attesa, l'appropriatezza della prescrizione medica e allungamento degli orari per le visite specialistiche. "Tac, risonanza magnetica, ecografia, le cosiddette macchine pesanti devono lavorare anche in orari più lunghi, perché se si fissa uno di questi esami, ad esempio, alle 21,30, chiaramente all'utente che ne ha bisogno non sembrerà un orario indecente".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X