IN ITALIA DA TRE GIORNI

Migrante giunta a Pozzallo, proteste dei degenti in ospedale a Ragusa: intervengono i carabinieri

appestata, migranti, ospedale, ragusa sbarco, Ragusa, Cronaca
Migranti sbarcati a Pozzallo

Episodio di intolleranza a Ragusa. Una donna, violentata in Libia, è stata trattata  come una "appestata". La diciannovenne eritrea, arrivata nella notte tra sabato e domenica su un barcone che rischiava di affondare, si era recata ieri in ospedale, al "Maria Paternò Arezzo" di Ibla, accompagnata dagli operatori dell'Hot Spot di Pozzallo.

Era andata a far visita alla figlioletta Mecat, nata da quindici giorni. Quando è arrivata sul barcone, la neonata era ancora sporca di sangue.

Quando Fara è arrivata all'ospedale di Ibla qualcuno ha iniziato a lamentarsi tra mamme e parenti e si è diffusa una paura di contagio di qualche malattia. È servito l'intervento delle forze dell'ordine per calmare gli animi.

"È un episodio che ci sorprende e ci amareggia, perché Ragusa non è questo. Sto cercando di capire meglio quello che è successo. Inviterò Fara in comune, la nostra è una città propensa all'accoglienza", ha dichiarato il sindaco, Peppe Cassì.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X