stampa
Dimensione testo
CGIL, CISL E UIL

Ispettori dei Nas all’Asp di Ragusa, i sindacati: una caccia alle streghe

di
I segretari generali contro la disposizione del direttore Aricò: «Si produce solo allarmismo»

RAGUSA. Il direttore generale dell’Asp 7 di Ragusa, Maurizio Aricò, sottoscrive un contratto di collaborazione con Giuseppe Faraci e Carmelo Pellegrino, luogotenenti dei carabinieri nella riserva, già in servizio presso il Nas di Ragusa, attivando nei fatti «un servizio ispettivo» e Cgil, Cisl e Uil si scatenano perché non condividono la scelta.

Dopo che il manager Aricò firma una disposizione che inoltra a tutti i primari, i segretari generali e di categoria delle tre sigle sindacali (Giovanni Avola, Paolo Sanzaro, Giorgio Bandiera, Aldo Mattisi, Daniele Passanisi e Lucia Saddemi) dichiarano che «tale iniziativa produce allarmismo e disorientamento tra il personale dell’azienda sanitaria, sia dirigenziale che del comparto, per il metodo usato e senza il dovuto preavviso, oltre a nessuna informativa preventiva ai sindacati. Per tale ragione chiediamo un incontro urgente per un confronto sulla questione». I due carabinieri «sono autorizzati ad accedere ad atti, acquisire copia, attingere informazioni sull’attività in essere o da sviluppare, raccogliere dati o dichiarazioni degli utenti e quant’altro utile a raggiungere gli obiettivi assegnati. Un servizio che possono svolgere anche nelle ore notturne».

 

 

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X