IL PATRIMONIO

Da Ragusa a Siracusa, sette i siti da candidare all'Unesco: la proposta di legge del deputato Minardo

di

Dalla macchia foresta Pino d'Aleppo all'oasi naturale della foce del fiume Irminio, alla riserva naturale di Vendicari Pantalica, passando per il parco Chiafura ed il colle San Matteo alla Conca del Salto e alla Cava Paradiso.

Dal confine occidentale della provincia di Ragusa a quello della limitrofa provincia di Siracusa. Un lembo di Sicilia ricco di un patrimonio naturalistico ancora incontaminato e di testimonianze archeologiche che raccontano l'isola di un tempo.

"Pregevoli siti del Sud Est che occorre valorizzare – afferma il deputato nazionale Nino Minardo – ed allora candidiamoli Beni dell’Umanità".

Con questo programma di rilancio il parlamentare ha presentato la scorsa settimana una proposta di legge recante le norme per favorire il recupero, la tutela e la riqualificazione oltre che il rilancio turistico e produttivo di siti di pregevole importanza naturalistica, artistica e architettonica del Sud Est siciliano.

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X