TRIBUNALE

Violenze su una richiedente asilo a Ragusa, arrestato un mediatore del Gambia

Un mediatore culturale A.S, 26 anni, del Gambia, è stato arrestato dalla polizia a Ragusa con l'accusa di avere violentato una ospite del centro per richiedenti asilo. Dopo lo stupro la donna è stata anche picchiata per non raccontare nulla. Il provvedimento cautelare è stato disposto dal giudice per le indagini preliminari, su richiesta della procura della Repubblica presso il tribunale di Ragusa.

La vittima delle violenze dopo varie rassicurazioni delle forze dell'ordine si è decisa a denunciare agli investigatori di essere stata violentata mentre stava cucinando. "La donna per timore di essere uccisa in un primo momento - affermano gli inquirenti - era stata in silenzio ma quando il mediatore l'ha accusata di aver violato una regola del centro lei ha detto che avrebbe denunciato l'aggressione subita alla polizia". È stata per questo picchiata selvaggiamente riportando gravi lesioni personali: la frattura delle ossa nasali della mascella e dello zigomo.

La donna portata in un altro luogo ha denunciato tanto la violenza sessuale quanto le gravi lesioni subite. L'indagato intanto aveva lasciato il centro di accoglienza tentando di fare perdere le sue tracce. Ma è stato rintracciato e arrestato.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X