POLIZIA

Arrestato a Ragusa per violenza sessuale, i messaggi della minorenne: "Ho solo 12 anni"

"Ho soltanto 12 anni...": così, in un messaggio inviato con social network, una vittima del ventunenne arrestato per violenza sessuale dalla polizia a Ragusa cercava di difendersi dalle molestie. Secondo le indagini della polizia la piccola sarebbe stata abusata più volte.

Il giovane agiva in modo seriale inviando decine di contatti al giorno cercando di convincere le vittime ad incontrarlo. Il 21enne, oltre ad aver abusato di una delle ragazzine, secondo quanto accertato dalla polizia, ha anche provato a convincere le amiche della dodicenne. "Adesso tocca a te...", diceva ad altre minorenni. Ma a volte al telefono rispondevano i genitori che eseguivano dei controlli sullo smartphone delle figlie. E quando ha saputo di essere indagato, sul proprio profilo Facebook ha insultato la famiglia della vittima: «Sarò il vostro peggiore incubo, quando mi vedete camminate a testa bassa...», ha scritto tra l’altro.

"La Polizia di Stato di Ragusa - commenta il capo della squadra mobile, il vice questore Nino Ciavola - ha potuto assicurare alla giustizia il soggetto grazie anche alla collaborazione delle famiglie delle bambine che hanno aiutato gli investigatori a fare chiarezza su quanto accaduto. Sono sempre più frequenti i fenomeni di adescamento di minorenni su social network. È necessaria - segnala il capo della squadra mobile di Ragusa - una costante vigilanza da parte degli adulti sull'utilizzo degli smartphone da parte dei più piccoli, ignari della perversione di alcuni".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X