CARABINIERI

Famiglia di Scicli perseguitata da un piromane, profanata e bruciata anche una tomba

Profanata e bruciata la tomba di un giovane al cimitero di Scicli, nel Ragusano. Il ragazzo, deceduto a 20 anni, nel 2002, è nipote delle due donne alle quali nelle settimane scorse sono state incendiate un’auto e un salone di parrucchiera.

La persecuzione per la famiglia quindi continua. Per i precedenti attentati incendiari è stato denunciato un 37enne tunisino che fino a tre anni fa lavorava nell’azienda agricola di una delle sorelle delle vittime del piromane, mamma del giovane la cui tomba è stata profanata. Sul caso indagano i carabinieri della locale tenenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X