LA RELAZIONE

Scioglimento del Comune di Vittoria, "punti neri" la gestione del mercato e dei rifiuti

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica di ieri il decreto del presidente della Repubblica dello scorso 2 agosto sullo scioglimento del consiglio comunale di Vittoria.

Insieme al decreto è pubblicata la relazione del prefetto di Ragusa Filippina Cocuzza che sta alla base del procedimento che ha portato il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dell’Interno Matteo Salvini, a proporre lo scioglimento per mafia del comune di Vittoria.

Nella relazione si evidenziano soprattutto tre 'punti neri' nella gestione amministrativa del Comune: «omissioni nella gestione del mercato ortofrutticolo, le procedure anomale per l’appalto per la gestione dei rifiuti solidi urbani e forme di abuso nell’attribuzione, negli anni, di vari incarichi dirigenziali e nell’elargizione di 'voucher' per le famiglie bisognose».

"Nella relazione della Commissione ispettiva - scrive il prefetto di Ragusa - è emerso che alcuni esponenti della consorteria mafiosa della 'Stidda', a vario titolo legati da rapporti di parentela o di vicinanza con amministratori comunali o dipendenti, sembrerebbero aver avuto la possibilità di influenzare scelte di governo con particolare attenzione alle numerose e consistenti omissioni nell’attività di gestione del mercato ortofrutticolo, governato dall’amministrazione comunale, all’interno del quale è stata dimostrata una consistente presenza delle consorterie mafiose nel settore dell’indotto commerciale delle forniture di imballaggi, dei trasporti e dello smaltimento dei rifiuti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X