LA TESTIMONIANZA

I 450 migranti sbarcati a Pozzallo, il medico dell'hotspot: "Molti casi di scabbia"

migranti, sbarco pozzallo, Ragusa, Cronaca
Un'immagine dello sbarco dei 450 migranti al porto di Pozzallo

«Tantissimi casi di scabbia, donne denutrite, molte persone disidratate. Non è un quadro clinico idilliaco ma neanche drammatico», afferma Khosrow Mansour Sohani, il medico dell’hot spot di Pozzallo che ha visitato i migranti appena arrivati.

Sohani è un medico di origini egiziane, da anni ormai in Italia, si è laureato in Medicina a Catania e ha sposato una farmarcista di Vittoria. Ha lavorato tutta la notte e solo intorno alle 9 ha lasciato Pozzallo per recarsi a Ragusa dove ha il suo ambulatorio al Centro Polifunzionale di via Colajanni, una struttura di sostegno ed ausilio per i migranti realizzata dal ministero dell’Interno in collaborazione col Comune di Ragusa.

«Ho lavorato tutta la notte - dice il medico - perché nel centro sono arrivati i migranti a singhiozzo provenienti dalle due navi. Prima in tarda serata le donne e i bambini della nave Monte Sperone, poi gli uomini della Protector e infine gli uomini della nave della Gdf. Non c'è stato un attimo di pausa ma abbiamo affrontato bene l’emergenza».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X