CARABINIERI

Violenta e rapina una ragazza al primo appuntamento, arrestato giovane di Vittoria

di

Una ragazza incontra un ragazzo per un appuntamento. Lui però con una scusa la fa salire a bordo di un motorino. Poi la porta in un casolare appartato la violenta più volte,  la minaccia di morte e la picchia. Non contento, dopo averla riaccompagnata a casa e  averla minacciata di morte, le ha anche chiesto di consegnarle tutto il denaro di cui era in possesso. È accaduto nel Ragusano. I carabinieri del nucleo hanno arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale ibleo un giovane vittoriese di 24 anni accusato di violenza sessuale, tentata rapina e lesioni personali.

La vittima  dopo alcune settimane dall’accaduto ha trovato il coraggio di denunciare a carabinieri il fatti. I militari hanno notato che la donna aveva diverse ferite visibili.

La donna ha raccontato di essersi prima accordata per un incontro con il giovane e di essere salita a bordo di uno scooter. Dopo i momenti di incubo vissuti in una casa diroccata nelle campagne del vittoriese, la donna era stata riaccompagnata a casa dal violentatore che, dopo averla minacciata di morte, le aveva anche chiesto di consegnarle tutto il denaro di cui era in possesso. La donna era riuscita a sfuggire a questa ulteriore richiesta solo barricandosi in casa.Al termine degli accertamenti sanitari la donna è stata messa in contatto con il centro antiviolenza del territorio, ed è continuato un rapporto di fiducia che si era instaurato con il personale specializzato dell’arma dei carabinieri che aveva condotto la stessa a vincere le resistenze e la vergogna tipiche di questi episodi. I gravi elementi indiziari raccolti dal nucleo operativo dei carabinieri di Ragusa hanno sin da subito permesso al pubblico ministero della procura di Ragusa di richiedere l’adozione di un’idonea misura cautelare al gip, concordando pienamente con quanto compendiato nelle indagini, ha emesso a carico dell’indagato. Il ventiquattrenne è stato arrestato ed al termine delle formalità di rito è stato portato nel carcere di Ragusa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X