SINDACATI

Romeni vittime di caporalato, la Cgil Ragusa si costituisce parte civile

La Cgil di Ragusa, dopo l'operazione 'Boschetari' che ha portato all’arresto di 5 romeni per diversi reati e che aveva ridotto alla schiavitù diversi connazionali, ha deciso di chiedere «l'impegno del Governo della Romania affinché s'intesti il contrasto alla tratta in origine, agendo attraverso serie misure repressive e attraverso lo sviluppo di politiche sociali a sostegno della popolazione, con particolare riferimento alle donne, in estrema difficoltà».

La Cgil ha deciso poi di costituirsi parte civile nei processi penali contro i responsabili della 'tratta'. «È chiaro ed evidente - dice il segretario provinciale della Cgil, Giuseppe Scifo - che i beni giuridici, gli interessi sociali ed i diritti violati nelle vicende narrate coinvolgono il sindacato quale ente che è preposto alla tutela della pluralità degli interessi lesi dai reati in questione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X