AEROPORTO

Rischio chiusura per l'aeroporto di Comiso? Giannone: non c’è nulla da temere

di

COMISO. E ora tutti si chiedono quali scenari potranno aprirsi. Quale potrà essere il futuro dell’aeroporto di Comiso. La notizia della messa in liquidazione della Intersac, la società che detiene il 65 per cento del pacchetto azionario di Soaco (che, a sua volta, gestisce l’aeroporto «Pio La Torre») è arrivata come un fulmine a ciel sereno.

La notizia è grave e gli scenari incerti: non ci sono commenti dalle forze politiche. Un atteggiamento prudente, con la coscienza che qualcosa di grave sta accadendo. «Non c’è nulla da temere – si affretta a precisare Peppino Giannone, il modicano al vertice di Intersac – ho scelto, con razionalità, di consegnare i libri in tribunale e di chiedere la nomina di un liquidatore. In questo modo, abbiamo la garanzia che ci sia un elemento terzo, indipendente e al di sopra di ogni interesse, a gestire questa fase difficile. Ma l’aeroporto non corre alcun rischio”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X