Migranti, traversata gratis per chi si offriva di guidare il barcone: fermati due scafisti a Pozzallo - Video

RAGUSA. Sono stati fermati due presunti scafisti che avrebbero condotto una grande imbarcazione in legno con a bordo 329 migranti a Pozzallo. Gli agenti della squadra mobile di Ragusa, con la partecipazione della guardia di finanza e dei carabinieri hanno fermato Abdelfatteh Ahmed, egiziano di 22 anni, e Samuel Ghebra Meskel, eritreo di 23 anni.

Secondo i testimoni sono loro che avrebbero condotto l’imbarcazione partita dalle coste libiche. I due sono accusati  di aver tratto  ingiusto ed ingente profitto, facendo entrare clandestinamente cittadini extracomunitari. Inoltre sono responsabili di aver fatto entrare illegalmente in Italia di più di cinque persone e di aver sottoposto a trattamento inumano e degradante i migranti.

Lo scorso 27 gennaio la nave militare spagnola Esps Santa Maria ha raggiunto lo specchio di acqua dove era stato segnalato un barcone in legno carico di migranti in difficoltà. Sono sati salvati 197 uomini, 95 donne e 37 minori.

La nave militare ha fatto rotta verso il porto di Pozzallo, dove è arrivata lo scorso 28 gennaio a mezzogiorno. I migranti sono partiti dalla Libia pagando in media circa 400 dollari agli organizzatori. Agli scafisti è stato  offerto il viaggio gratis anche senza alcuna esperienza.

Grazie alle testimonianze dei migranti sbarcati  è emerso che una volta giunti in acque internazionali il comandante avrebbe effettuato una telefonata con un telefono satellitare per chiedere. Il secondo uomo dell’equipaggio avrebbe tentato di eludere le indagini offrendosi come testimone accusando solo l’egiziano. Ma i poliziotti sono riusciti lo stesso ad appurare il suo coinvolgimento.
Al termine delle indagini, gli scafisti stati portati nel carcere di Ragusa.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X