ISTRUZIONE

"Migranti della scuola del Ragusano", polemica tra i docenti e i sindacati

di

RAGUSA. Assegnazioni lontano da casa, ed una revisione del piano dei rientri che non soddisfa e non ripaga dei sacrifici già sostenuti. «La situazione dei docenti siciliani appare senza sbocco – spiegano i referenti del Comitato docenti mobilitati siciliani di Ragusa, Evelin Zarba e Pippo Re – in quanto chi partecipa oggi al concorso ha la possibilità di essere assunto in sedi vicine con priorità rispetto a noi. È una situazione di disagio terribile per noi e le nostre famiglie e non possiamo accettare tutto ciò. Il ruolo del sindacato deve essere attivo. Se così non sarà, revocheremo le deleghe».

Sono 101 i docenti firmatari di una nota inviata alle segreterie provinciali e regionali di Cgil, Cisl, Uil, Snals, Cisal, Gilda e Anief, con la quale contestano la legge cosiddetta della «Buona Scuola» e preparano la cancellazione in massa dai sindacati. I docenti, quasi tutti della provincia di Ragusa, chiedono ai sindacati un impegno concreto a sostegno degli insegnanti entrati di ruolo con la legge 107/2015, ma assegnati a sedi lontane dalle città di provenienza, prevalentemente nel Nord Italia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X