SOLIDARIETA'

Un quartiere di Ragusa "adotta" una famiglia tunisina

di
immigrazione ragusa, Ragusa, Cronaca

RAGUSA. Due storie, due esempi di accoglienza fatta d'integrazione. Un giovane di diciassette anni e una famiglia di cinque persone: due situazioni differenti, accomunate da un impegno dal basso per garantire dignità, sostegno, amicizia.

Sono le storie di Buba e di Murad e della sua famiglia, raccontate nel corso della veglia di preghiera interreligiosa per la pace promossa dalla Caritas diocesana di Noto e dalla comunità missionaria intercongregazionale, a Modica, a Villa Polara. «Mi chiamo Buba, ho diciassette anni, vengo da Conakry, la capitale della Guinea».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X