CARABINIERI

Sfruttamento del lavoro: due denunce ad Acate

di

ACATE. Lavorava nove ore di fila nelle serre per venticinque euro al giorno e alloggiava in una stamberga in situazioni igieniche di assoluto degrado. Protagonista – o meglio, vittima – dell'episodio di cronaca scoperto dai carabinieri è un bracciante romeno che è stato sorpreso al lavoro in un'azienda agricola di contrada Dirillo.

A squarciare il velo sull'ennesimo caso di sfruttamento della manodopera agricola sono stati, nella giornata di ieri, i militari della Compagnia di Vittoria, con la collaborazione del personale del Nucleo Ispettorato del lavoro di Ragusa. Su input del Comando provinciale dell'Arma, guidato dal colonnello Federico Reginato, diverse pattuglie hanno effettuato un servizio specifico di monitoraggio e contrasto del fenomeno del caporalato, che si è rivelato essere piuttosto diffuso nel settore agricolo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X