SANITA'

Salvato il pronto soccorso dell'ospedale di Scicli

di

SCICLI. Attuazione del piano aziendale per tutte le strutture ospedaliere della provincia, apertura del nuovo ospedale di Ragusa, il «Giovanni Paolo II», certezze sul futuro degli ospedali di Scicli e Comiso e dei rispettivi di pronto soccorso, attenzione ai servizi sul territorio. Questi i nodi sui quali il commissario dell’Asp 7, Salvatore Lucio Ficarra, è atteso dalla comunità iblea in ordine all'applicazione del piano approvato a Palermo, comprese le previsioni di nuove assunzioni.

«I servizi di pronto soccorso saranno inseriti nel Dea, nella rete di emergenza-urgenza dei cinque ospedali ragusani. A Scicli il pronto soccorso non sarà espiantato – spiega il parlamentare regionale Orazio Ragusa dopo aver incontrato ieri il commissario Ficarra –, anche il piano aziendale sarà interamente applicato al Busacca con i suoi 6 posti letto per chirurgia, i 10 posti di medicina, i 24 posti di lungodegenza oltre all’arrivo dell'Irccs “Bonino Pulejo” di Messina per il servizio di riabilitazione neuromotoria, i cui vertici proprio ieri ci hanno assicurato che presto attiveranno il servizio. L'assunzione di quattro medici consentirà di avviare il secondo turno di dialisi al Busacca e speriamo che vengano presto destinati gli infermieri necessari.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X