VIOLENZA DOMESTICA

Non vuole che parli al cellulare, picchia e minaccia convivente con sciabola: arrestato a Modica

MODICA. Non sopportava che la convivente, 39 anni, usasse il cellulare per parlare con la sua amica e così un 38enne di Ragusa, davanti ai figli, ha colpito la donna con schiaffi e pugni fino a farle perdere i sensi. E' stato arrestato dalla Polizia a Modica e posto ai domiciliari per violenza e lesioni personali.

L'uomo, inoltre, ha minacciato di morte la donna usando una sciabola da sommelier. È stata la figlia a chiamare la polizia.

Un caso simile era avvenuto alcuni giorni fa a Gela. Un operaio di 46 anni, dopo avere litigato per l’ennesima volta con la moglie, l’ha picchiata, l’ha sequestrata in casa e per impedirle di uscire con una sedia le ha spezzato le gambe. A nulla sono valse le suppliche del giovanissimo figlio che, in lacrime, ha assistito al pestaggio della madre.

I carabinieri, chiamati dai vicini, sono intervenuti e hanno arrestato in flagranza di reato il marito con l’accusa di sequestro di persona e lesioni personali aggravate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X