LO STUDIO

Un drone all'Ipogeo di Giarratana

di

GIARRATANA. Rendere fruibile un luogo che custodisce millenni di storia: l'ipogeo di Calaforno. È questo l'obiettivo sul quale la Soprintendenza ai Beni culturali di Ragusa sta lavorando, operano su più fronti.

All'esterno del sito, con interventi finanziati con fondi ex Insicem, interventi portati avanti di recente, e all'interno, con il recupero e la successiva fruibilità delle «camerette» dell'ipogeo. In quest'attività s'inserisce una proficua collaborazione con l'Università di Catania che già dal 2013 proprio in quel sito sta lavorando sempre in stretta sinergia con la soprintendenza, come spiega Saverio Scerra, funzionario archeologo dell'ente di tutela.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X