VITTORIA

"Minacciò il giornalista Borrometi", condannato a 1 anno e 8 mesi

RAGUSA. La Federazione nazionale della stampa (Fnsi) parla di «sentenza storica». Il caso è quello che riguarda il giornalista Paolo Borrometi, direttore del sito 'La spià e giornalista dell’Agi. Il Tribunale di Ragusa ha condannato, ritenendo contestata la recidiva, a un anno e otto mesi di reclusione Giambattista Ventura per concorso in tentativo di violenza privata per le minacce al cronista. I giudici hanno escluso l’aggravante del metodo mafioso e assolto l'imputato da uno dei capi d’accusa, quello relativo all’episodio 'Agenzia funebre Venturà. Annullata l’efficacia degli arresti domiciliari e disposta la scarcerazione di Ventura se non detenuto per altra causa. Il pm Valentina Sincero ne aveva chiesto la condanna a 6 anni e 6 mesi di reclusione.

Il Tribunale di Ragusa ha anche stabilito un risarcimento danni di 25.000 euro a Borrometi, oltre a 5.000 euro di spese processuali. Disposti anche i risarcimenti di parte civile, da 2.500 euro ciascuno, più 3.000 euro di spese processuali, alla Fnsi, assistita dall’avvocato Francesco Paolo Sisto, all’Ordine nazionale dei giornalisti, rappresentato dall’avvocato Enrico Trantino, e al Comune di Vittoria, presente con il penalista Giuseppe Seminara.

«Non mi terrò i soldi, li devolverò in beneficenza», ha precisato Borrometi, ai microfoni di Rainews 24. «Penso di aver fatto solo il mio lavoro, come tanti giornalisti che lavorano nei territori cerano di farlo e per questo vengono minacciati e intimiditi». Per il giornalista, «questa sentenza rappresenta un pezzo di giustizia che oggi è stata fatta. Ho subito minacce, aggressioni, un incendio alla porta di casa, minacce feroci da Ventura e tanti altri - ha ricordato ancora nell’intervista a Rainews -. Per questo penso che oggi sia un momento importante per chi crede nella giustizia: ho sempre denunciato tutto, credo fortemente che l’unica giustizia che possiamo avere sia quella dei tribunali». Borrometi, che ha rivolto un «pensiero simbolico a Giovanni Spampinato», cronista vittima della criminalità, si è soffermato sul fatto che la sentenza abbia escluso l’aggravante del metodo mafioso ("Sappiamo che la giustizia ha tre tempi, ma oggi permettetemi di essere veramente felice per aver ottenuto almeno simbolicamente giustizia") ed ha ammesso di avere «molta paura» per il fatto che Ventura torni in libertà, «così come mi fa paura dover andare a testimoniare in altri quattro processi. Ma sono convinto che la paura non ci debba fermare: non ho nulla di eroico, ho solo la voglia di continuare a raccontare».

«Chi minaccia un giornalista, in questo caso Borrometi, minaccia il diritto di cronaca e indebolisce il diritto dei cittadini a essere informati. Per questo va perseguito in tutte le sedi, non lasciando soli i colleghi minacciati», commentano il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti. «E' stato affermato un principio importante. L’Ordine sarà sempre al fianco dei giornalisti intimiditi», ha detto l’avvocato Nino Caleca che a nome dell’Ordine regionale dei giornalisti di Sicilia aveva chiesto il risarcimento simbolico di un euro, richiesta rigettata perché assorbita dal risarcimento riconosciuto all’Ordine nazionale. Per Vittorio di Trapani, segretario Usigrai, si tratta di una "una sentenza contro chi minaccia, contro chi vuole intimidire i giornalisti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X