VIGILI DEL FUOCO

Notte di fuoco a Scicli, bruciati 5 cassonetti dei rifiuti

di

SCICLI.Notte di fuoco a Scicli. Fuoco in spiaggia per bruciare le canne che il mare ha rilasciato a tonnellate dopo l'alluvione del 22 e 23 gennaio scorso e fuoco ai danni di cinque cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani appena fuori città, in contrada Genovese. Danni ingenti al patrimonio ambientale e danni ingenti al tessuto sano della comunità sciclitana.

Di chiara matrice dolosa i due episodi che si sono registrati nella notte fra venerdì e sabato scorsi. Quasi un chilometro di arenile è stato dato alle fiamme nel tratto che và da Arizza a Pezza Filippa sulla riviera fra Donnalucata e Cava D'Aliga.

Ignoti hanno agito appiccando il fuoco in più punti della lunga spiaggia. Colpito un suggestivo tratto sabbioso che da più di due mesi è invaso da una grande quantità di canne “giunte” in mare dopo l'evento alluvionale di gennaio allorquando il torrente Modica-Scicli, in piena, ha sradicato tutti i canneti che si trovavano ai margini del sul lungo letto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X