A VITTORIA

Abusi nelle campagne, il "Guardian" racconta le storie del Ragusano

di

RAGUSA. I «nuovi schiavi» in provincia di Ragusa. Donne e uomini costretti a lavorare nelle campagne, per pochi euro, spesso senza diritti. Donne costrette a prostituirsi, ad accettare le avances dei datori di lavoro. Siamo a Vittoria, nella zona dei primaticci e della serricoltura.

L’Observer del «The Guardian», storico quotidiano inglese, racconta la storia di giovane donna rumena che lavora nelle serre e che vive in una casupola. Dopo un giorno di lavoro, la notte è costretta a subire le violenze brutali del «padrone».

E’ lo stesso marito a spingerla, altrimenti il datore di lavoro li manderebbe via. In Romania, il salario non raggiunge i 200 euro: chi arriva in Italia, accettando di vivere in condizioni di degrado, guadagna di più. Ma è costretto a subire. Spesso anche la casupola in cui vivono viene «affittata» dal datore di lavoro: è piccola, fredda, priva dei servizi essenziali. Un’altra donna «rifiutò« di cedere alle avances: il datore di lavoro le ha sparato e lei lo ha denunciato. Da allora non riesce a trovare un lavoro: tutti sanno che lei ha denunciato e non vogliono averla con loro.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X