IL SINDACO

I primi cento giorni di Giannone: "Scicli vive nella legalità"

di

SCICLI. Nella città del commissario Salvo Montalbano la parola d'ordine è legalità. Il sindaco di Scicli, Vincenzo Giannone, ieri pomeriggio a palazzo di città ha fatto il punto sui cento giorni di attività in un ente che ha subito l'onta del commissariamento per mafia e che si è ridotata degli organismi democratici lo scorso 27 novembre quando il primo cittadino è stato eletto al primo turno portandosi dietro una maggioranza in Consiglio comunale. E lo ha fatto partendo da una larga premessa improntata sulla realtà vera di una cittadina del profondo sud che ha sofferto e parecchio per un marchio pungente.

Quelle presunte infiltrazioni che hanno minato l'immagine della città e che si vogliono archiviare. «Scicli è una città libera, non c'è più una cappa di mafiosità semmai ci fosse mai stata – ha detto Giannone – nessuna deroga sulla legalità a nessuno, proprio a nessuno. Assieme al Comune di Vittoria, guidata dal sindaco Giovanni Moscato stiamo cercando di superare quei fenomeni di devianza che ci sarebbero nei nostri territori attraverso il rispetto di regole, principi e leggi».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X