LA STORIA

Giovane armeno ricoverato in ospedale, il sostegno di Modica e della Caritas

di
caritas, modica, storia, Ragusa, Cronaca
Ospedale Maggiore di Modica

MODICA. Il suo unico desiderio è quello di avere accanto, nella malattia, un familiare che lo conforti e che gli stia vicino nel dolore con la speranza di superare questo delicato momento della sua vita. Ad esprimerlo un giovane di nazionalità armena. Trentaquattro anni, la sua età.

È ricoverato nel reparto di nefrologia dell'ospedale Maggiore di Modica, la dialisi lo aiuta a vivere dopo tre interventi che lo hanno messo a dura prova e che lo hanno visto ricoverato anche al reparto di chirurgia. Un sogno, un desiderio, una speranza. Il giovane non è solo. Al suo fianco le due equipe mediche e paramediche di nefrologia e di chirurgia dell'ospedale modicano, la direzione sanitaria, il padre cappellano del “Maggiore” don Giorgio Cicciarella.

Nell'appuntamento mensile della “Santa Messa per la città”, che la Caritas diocesana organizza puntualmente nella Cappella ospedaliera, la storia di sofferenza, di amore, di accoglienza e di fratellanza che stanno vivendo tutti nel presidio di via Aldo Moro. Il fratello che soffre, che spera e che nel corso della celebrazione, nella cappella ospedaliera, ha pronunciato la preghiera di benedizione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X