IL CASO

Vittoria, eseguita l'autopsia sull'agricoltore: morì annegato

di

VITTORIA. Nessun segno esterno di violenza; nessuna ferita che non saino quelle dovute alla caduta. Giovanni Giannì, l’agricoltore vittoriese di 43 anni, trovato morto mercoledì scorso in fondo ad un pozzo, in contrada Mazzara, è morto per annegamento. L’autopsia eseguita ieri dal medico legale Giuseppe Iuvara ha evidenziato che l’uomo presentava le caratteristiche di un annegamento classico.

L’uomo, con tutta probabilità, è caduto nel pozzo situato nei pressi della sua abitazione nello stesso pomeriggio di domenica, quando è uscito di casa e non vi ha fatto più ritorno. Nessun segno di violenza nei pressi dell’abitazione, nessun elemento che potesse far pensare alla presenza di altre persone che potrebbero averlo affrontato e ucciso. L’esito dell’autopsia aggiunge un ulteriore tassello alle indagini della Polizia, coordinate dal dirigente del commissariato di Vittoria, Rosario Amarù e dal dirigente della Squadra Mobile, Nino Ciavola. Gli inquirenti hanno cercato di ricostruire le ultime ore di vita dell’uomo: aveva pranzato in casa, insieme alla compagna, una giovane rumena e ad una coppia di amici, anch’essi rumeni.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X