Riti voodoo per costringerle a prostituirsi: blitz a Ragusa - Video

RAGUSA. Riti voodoo, richieste di denaro alle famiglie di origine, ragazze tenute prigioniere e fatte prostituire fin quando non arrivano i soldi. E' quanto emerge dalle intercettazioni tra nigeriani eseguite nell'ambito delle indagini della Polizia che stamattina a portato a un blitz con 6 persone fermate a Ragusa.

«Il ghanese chiede altri soldi, altrimenti le ragazze saranno cedute ad altre persone...». È la preoccupazione espressa dalla presunta organizzazione di nigeriani accusata di tratta di essere umani sgominata dalla polizia di Stato sul rischio che corrono nel perdere alcune delle loro vittime: giovanissime e minorenni nigeriane attratte in Italia dalla possibilità di lavorare, ma obbligate alla prostituzione su strada. I ricatti si basavano su riti voodoo, e su minacce ai familiari rimasti in Nigeria o in attesa di partire.

È quanto emerge da intercettazioni della squadra mobile della Questura di Ragusa agli atti dell'inchiesta "Broken chains" della Dda della Procura di Catania che ha portato al fermo di sei nigeriani, compresa una donna, a Padova.

"Dobbiamo farle il rito Woodoo - dice un uomo ascoltato dalla polizia di Stato - la madre della ragazza non vuole pagare. Lei è scappata e se non la recuperiamo i soldi sono perduti". Il gruppo è interessato al 'futuro' di sei giovanissime nigeriane. Uno di loro segue il loro 'cammino': "sono tutte nelle mani del ghanese: ieri ne ha 'liberate' quattro, oggi ne 'libera' altre due...". Ma devono mandargli i soldi, "altrimenti le ragazze saranno consegnate ad altri...".

Dalle intercettazioni emergono trattative sui prezzi da pagare delle persone, trattate come se fossero oggetti. E la concorrenza presente in Libia, dove diverse organizzazioni offrono i loro 'servizì a prezzi diversi.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X