CARABINIERI

A Scicli una cerimonia per ricordare l'appuntato Garofalo

di

SCICLI. Commemorato ieri mattina, nonostante l'inclemenza del tempo, l'eccidio di Scilla, sull'autostrada alle porte di Reggio Calabria, del 18 gennaio 1994 in cui persero la vita due appuntati dei carabinieri Vincenzo Garofalo, sciclitano, ed Antonino Fava, assassinati da un commando di cinque banditi.

Momenti di commozione ieri nella chiesa Santa Caterina da Siena dove il comandante provinciale dell'Arma, Federico Reginato, ha accolto i partecipanti. «Ero in Accademia quando è avvenuto l'assassinio, tutti fummo toccati – ha detto l'ufficiale – siamo carabinieri e sappiamo che potremmo essere chiamati a pagare con la vita il nostro impegno di militare. La paura non manca ma siamo pronti a tutto».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X